LUNGO IL NILO. Ippolito Rosellini e la spedizione franco-toscana in Egitto (1828-1829)

2010-04-21

BLU | Palazzo d’Arte e Cultura, Lungarno Gambacorti 9, Pisa.

 Dal 28 aprile al 25 luglio 2010

dal martedì alla domenica (chiuso il lunedì)

dalle ore 10:00 alle ore 20:00

La mostra, curata dalla Prof.ssa Marilina Betrò, racconta la Spedizione Franco-Toscana del 1828-1829 dell’archeologo pisano Ippolito Rosellini, attraverso l’esposizione di oltre 200 pezzi tra reperti egizi, disegni e manoscritti scelti tra quanto di più significativo Rosellini riportò in Italia.

L’impresa, voluta dal Granduca di Toscana, Leopoldo II, e poi dal re di Francia, Carlo X, vide il giovane egittologo italiano affiancare Jean-Francois Champollion, cui va il merito di aver decifrato nel 1822 la Stele di Rosetta, che aveva aperto la strada agli studi sull’antico Egitto.

Gli acquerelli dei bassorilievi di Abu Simbel, lettere e diari con la descrizione delle condizioni di lavoro in cui furono realizzati, alcuni campioni di piante raccolti dal naturalista della Spedizione, Giuseppe Raddi, la collezione etnografica raccolta in Nubia da Gaetano Rosellini, ingegnere della Spedizione e zio di Ippolito, e i vasi raccolti negli scavi. Tutto questo è visibile lungo un percorso simbolico da Alessandria fino ad Abu Simbel e alla Seconda Cateratta del Nilo. Da qui inizia il viaggio di ritorno, con la lunga sosta a Tebe, l’antica capitale dell’impero egiziano.

Proprio al soggiorno a Tebe è dedicata un’apposita sezione: prima nella dimora della tomba di Ramses IV e poi in una vera casa sulle colline della necropoli.

L’ultima parte dell’esposizione è invece dedicata al ruolo di Rosellini nella diffusione della scienza egittologica. Alla sua opera si deve infatti la formazione di grandi egittologi, come il tedesco Richard Karl Lepsius, e la nascita dell’egittologia italiana.

costo del biglietto: Intero 8 euro, ridotto 6,5 euro

Prenotazione facoltativa al seguente numero: 199.285141 (servizio a pagamento) Telefono: 050 500 197

Sito web: http://www.mostraegittopisa.it/

Menu